Crea sito

‘U castagnaturu (di Francesco Talarico)

‘I jurn’e mò ‘n’ d’avanti su accurtàti

E ‘ncignan ‘e hatìghe cchjù ppisànti.

Prim’e’ njurnare ne sìmu levàti

Ejjam ‘alle castagne tutti quanti.

‘U ciucci è ‘ntr’a stalla e bbò ‘mbardàtu…

Mò scìndu e rràgu ‘i sacchi e lle panàra…

‘u pane, s’u’ mme sbagliu, è già attaccatu…

‘a vìartul ‘è arripàta ‘ntr’ a quadara…

Mint’û ‘mbast’ allu ciùcciu e lla capìzza…

Stringi’ û currìari e attacc’û petturale.

Ssi sacchi su’ ttutti chjìn’e vìzza…

Maria è scindùta… menu male!

Passànd’haj’e chjamar’a tzù Peppinu,

c’armènu jàmu ‘nzèm’e cuntrestàmu.

Stavòt’o ràgu io ‘n’ùgn’e vinu,

me sciàlu quandu pùe muerzellàmu.

È ‘nna matina quèta e bbella chjàra

E lle castagne pàrenu ‘ndorate,

se sente sul’û sgrùsciu d’a jumàra

e pìanzu ca ormai ‘û’ d’è cchjù astàte!

Parafrasi

La raccolte delle castagne

 

I giorni d’ora in poi sono più corti

E iniziano i lavori più pesanti.

Ci siamo alzati prima che facesse giorno

E andiamo tutti quanti a raccogliere castagne.

L’asino è nella stalla e va bardato…

Scendo a portare i sacchi e i panieri…

Il pane, se non sbaglio, è già legato nel tovagliolo…

La bisaccia è appoggiata nella caldaia…

Metto il basto e la cavezza all’asino…

Stringo il cinturone e attacco il pettorale.

Questi sacchi son tutti pieni di veccia…

Maria è già scesa… meno male!

Quando passo devo chiamare zio Peppino,

così almeno andiamo insieme e chiacchieriamo.

Stavolta porto io un po’ di vino,

così sarò felice quando faremo lo spuntino.

È un mattino quieto e sereno

E il castagneto sembra dorato,

si sente solo il fragore della fiumara

e penso che ormai non è più estate.

(Francesco Talarico, pampòglie 1982-1990, Leonida Edizioni, 2015)

Pietro Marchio – Storia della Calabria e della Sila

Ti potrebbe interessare anche...