Crea sito

La notte di Natale (di Vincenzo Padula)

I.

E ‘navóta, mo v’ ‘a cuntu,

‘E decembri era ‘na sira:

‘U Levanti s’era ghiuntu

Cu’ Punenti, e tira tira,

Si scippavanu ‘i capilli,

E ‘nfugavanu li stilli.

Nìurucumu ‘namappina

‘U ciel’era, e spernuzzati

Cumuzìnzuli ‘e cucina,

Jianu ‘i nuvi spaventati;

E luscuru a fella a fella

Si facìa cu’ li curtella.

Quannuscàvuzu e spinnatu

E Sïonni pe’ la via

Jia ‘nu viecchiuarrisinatu,

Avìa ‘n’ascia alla currìa:

Muortu ‘e friddu e pòvar’era,

Ma omu e Diuparìa alla cera.

Tocca-pedi a luvecchiottu,

Pe’ la strata spara e scura,

Caminava ‘ncammisuottu,

(For’ maluocchiu!) ‘naSignura

Cussi bella, cussi fatta,

Chi ‘na stilla ‘un si ci appatta.

‘Nfacciaavìa ‘narosicella,

‘A vuccuzza era ‘n aniellu;

Ti parìa ‘na zagarella

Russa ‘e sita, ‘u labbriciellu

Scocculatu e pittirillu,

Tali e quali ‘nu jurillu.

Era prena ‘a povarella,

Prena ‘rossa, e ti movìa

Tunna tunna ‘a trippicella,

Chi ‘na varca ti parìa,

Quannucàrrica de ‘ranu

Va pe’ mari, chianuchianu.

O figlioli, chi ‘mparàti

Ssadivota mia canzuni,

Via! ‘i cappella vi cacciati,

Vi minditigninocchiuni.

Chilluvìecchiu… e chi ‘u’ lu seppi?

Si chiamava San Giuseppi.

E la bella furracchiola,

Chi camìnaappriessu ad illu,

Pe’ b’ ‘u diri, ‘un c’é parola,

Sugnumutu pe’ lutrillu…

Mo, de vua chi si la sonna?

Si chiamava la Madonna.

Pe’ lufriddu e lucamìnu,

‘A facciuzza l’era smorta.

‘Nu palazzu c’è vicinu,

S’arricettanu alla porta;

Pu’ — e tremavanu li manu –

Trocculìanuchianuchianu.

– Cannaruti! — li ricconi

Cancarìanu, e nu’ rispunnu;

C’e ‘n orduru ‘e cosi boni,

‘I piatta vanu ‘ntunnu,

Ed arriva la fragasciu

D’ ‘i bicchèrafin’abbasciu.

– Tuppi-tuppi! — — Chin’èlluocu? –

– E nu pòvarustracquatu,

Senza liettu, senza fuocu,

Cu’ la mugli a brultu statu.

Pe’ Giacobbi e pe’ Mosé,

‘Nu riciettu, cca ci n’è? —

O figlioli, lucriditi?

Chilluriccu (chi li pozza

‘U diàvulu’ i muniti

‘Ncaforchiaridintr’ ‘a vozza),

A ‘nu corsu, chi tenia,

Dissi: — Acchiappa! Adissa! A tia! —

‘A Madonna benadissi

Chilla casa; e allumaritu

– Jamuninni fora — dissi –

Mina ‘i gammi, e statti citu –

Si ligâulumuccaturu,

E si misi pe luscuru.

Ma spattàrunu la via,

E cadíanu ‘ntroppicuni:

Mo ‘nasciolla si vidìa,

Mo ‘natrempa e ‘nu valluni:

Era l’aria propriu chiara

Cumusiettu de quadara.

Ni sentíu ‘nu pisu all’arma

Tannu ‘a luna virginella,

Quannuviddichilla parma

De Signuracussì bella

‘Intr’ ‘a zanca, ‘mmulicata,

Senza mai trovaristrata.

E cacciannu ‘a capu fora

De ‘nanuvi, chi luvientu

Fici a piezzi, la ristora,

Cielu e terra fu ‘n argientu;

L’allucìu tutta la via.

E li dissi: Avi Maria! —

Pe’ lucielu, a milli a milli,

A’ na botta, s’appicciàru.

S’allumarunu li stilli,

Cumu torci de ‘n ataru:

E si ‘n acu ti cadìa,

Tu l’azavi ‘mmìenzu ‘a via.

C era là, ma allustramanu,

Fatta ‘e crita e de jinostra,

‘Na casella de gualanu

Ch’allulustru s’addimostra:

Spuntillarunuluvetti,

E la porta s’apiretti.

San Giuseppi, c’ha lumantu,

Si lu sgancia ‘nfretta ‘nfretta,

Ci luspánnidi a ‘nu cantu,

‘A Madonna si ci assetta;

E li scùocculavicinu

D’ugnejuri ‘nu vurbinu.

Supr’ ‘u cori ‘namanuzza

Si tenia, pecchì era stanca;

Appoggiava la capuzza

Chianuchianusupr’ ‘a manca;

Pua, stennìennu li jinuocchi,

Quieti quieti chiusi l’uocchi.

Era aperta, e ‘nu granatu

‘A vuccuzzaassimigliava,

Ordurusuescìalujatu,

Chi lumunnuarricrïava,

Cullucuorpuilladormìa;

Ma cull’arma ‘ncielujia.

Culla menti Illa si sonna

D’arrivari ‘mparavisu;

Senti diri: “È la Madonna!

Chi sbrannuri c’à alluvisu!”

Santi ed Angiuli li pari

Ca s’ ‘a vùolunu ‘mpesari.

E la portanuvicinu

D’ ‘u Signuri, e luSignuri

Si scippava de lusinu

Pròpriu ‘u figliu, e cud’amuri

Ci ‘u dunaucumu ‘nu milu,

E li dissi: — Tenitilu! —

– Ma tramenti chi si sonna,

Pe’ luprieju e pe’ lutrillu,

Si risbiglia la Madonna

E si guarda, e lumilillu

Va truvannu, chi l’è statu

‘Intra suonnurigalatu.

Eccutì, cabiellubiellu,

‘Ncavarcatusupr’ à gamma,

Si trovauluBomminiellu,

Chi scamava: Mamma! Mamma –

Vïata Illa, affurtunata!

‘Intra suonnu era figliata…

Cà, cum’esci ‘na preghiera

De la vucca de li santi,

Cussì ‘u figliuesciutu l’era

Senza dogli a chillu ‘stanti,

Cum’ordori ‘e rosi e midi

Esci, ed èsciari ‘un sì vidi.

Illa ‘u guarda, e gninocchiuni

Tutt’avanti li cadìa;

L’aduràu: pu’ ‘nacanzuni,

Chi d’ ‘u cori li venìa,

Pe’ lu fari addurmentari,

‘Ngignàusùbitu a cantari.

II.

Duormi; bellizza mia, duormi e riposa,

Chiudi ‘a vuccuzza chi pari ‘na rosa,

Duormiscuitàtu, cà ti guarduiu,

Zuccarumiu.

Duormi, e chiudi l’occhiuzzutunnutunnu;

Cà quannuduormi tu, dormi lumunnu;

Cà lumunnu è de tialuserbituri,

Tu sì ‘u signuri.

Dormi lu mari, e dormi la timpesta,

Dormi luvientu e dormi la furesta,

E puru ‘intra lu ‘nfiernuludannatu

Sta riposatu.

Ti tiegnu ‘mbrazza, e sientu ‘na paura;

Cà Tu si Diu, ed iusugnucriatura,

E mi sguillaallusinu, e vò ‘nfassatu

Chi m’à cnatu.

Occhiuzzi scippa-cori, jativìnni!

‘U’ mi guardati, càfazzu li pinni. ‘

Na vuci ‘nterna, chi la sientuiu sula,

Mi dici: Vula!

‘A ninna ‘e ss’uocchi tua m’ardi e m’abbaglia;

Tutta l’anima mia trema e ti squaglia:

Canta cum’ ‘u cardillu, e ascìri fori

Mi vôlu cori.

Ti vijudintra l’uocchi ‘n autrumunnu,

Ci viju ‘n autruParavisu ‘n funnu:

Sientu ‘na cosa, chi mi fa moriri,

Nè si pòdiri.

Chiudili, biellu, pe’ pietà, e riposa;

Chiudi ‘a vuccuzza chi pari ‘na rosa:

Duormiscuitàtu, cà ti guarduiu,

Zùccarumiu.

U suannu è ghhiutu a cògliarijurilli,

Pe’ fari ‘nacuruna a ‘ssicapilli;

E ‘ssavuccuzza ‘e milu cannameli

T’unta cu’ meli.

Cu’ ‘n acu ‘mmanu è ghiutusupr’ ‘a luna

A cùsari li stilli ad una, ad una;

Pu’ ti li mindi ‘n canna pe ghiannacca,

E ci l’attacca.

Chi sîtimo venuti a fari lluocu,

Angiuli ‘e Diu, cu’ chilli scilli ‘e fuocu?

Mi voliti arrobbari ‘u figliumiu,

Angiuli ‘e Diu?

Cantati, sì; ma ‘n cielu ‘u’ b’ ‘u chiamati:

Aduratilu, sì; ma ‘u’ b’ ‘u pigliati:

E Tu, bellizza, ‘un fùjari cu’ loru;

Si no, mi muoru.

Statti, trisuoru mia, cu mamma tua;

Mo chi ti tiegnu, nentivuogliucchiùa;

Cu’ Tiavuogliulumunnucaminari

Sempri, e cantàri;

E diri a tutti: Chissu è Figliumiu;

‘A mamma è povarella, ‘u figliu è Diu:

D’u cielu m’è scoppatu ‘ssuBomminu

‘Intra lusinu. –

Ma ch’àjudittu? E nunsacciuiuluriestu?

T’ammucciu ‘mpiettu, o Figliu mia, cchiupriestu:

U munnu è malandrinu!, e si t’appura,

Oh, chi sbentura!

Pe’ ‘ssicapilli tua crìscinu spini,

E pe’ ‘nchiovàri ‘ssijidita fini,

Piensu c’ ‘a forgia mo vatti, e nun sa

Chillu chi fa.

‘A sientidintr’ ‘u vuoscu Tu ‘ssavuci?

Nun è luvientu no chi si ci ‘nfuci:

È la cerza chi grida “‘U lignumiu

Cruci è de Diu!”

Ah, nunchiàngiari, no! Pecchì o Bomminu,

Mi triemicumu ‘narínnina ‘n sinu?

Pe’ mo, duormiscuitàtu: tannu, pua

C’è mamma tua.

Supra li vrazza mia, supr’ ‘i jinuocchi

Zumpa, âza ‘a capu, de apirelli l’uocchi.

Quantu sì biellu! Chi ghiurilluspasu!

Dammi ‘nu vasu! –

III.

Cussi cantava ‘a Vergini Maria,

E nazzicavachilluquatrariellu.

‘U cieluvasciuvasciu si facìa,

Asuliannu a chillucantubiellu:

Abballava la terra, e si movìa,

Mustrannututtuvirdilumantiellu,

E luvientu si stava accappottatu,

Gridannudintr’ ‘u vuoscu: — E natu! È natu! –

Ugnejumi portava ‘nachjinera,

Chi d’uoglìu, chi de latti e chi de vinu.

Meli e farina escìa d’ ‘i cerzi, ed era

Càrricu ‘e juri ‘nsinc’ a diri ‘u spinu;

E tornata parìa la primavera,

Scotuliannu tutt’ ‘u vantisinu;

‘A vita fici l’uva, ‘u ‘ranu ‘i spichi,

E li scattilli si facèru fichi.

‘U portuni d’ ‘u cieluspalancarû,

E cu’ ‘nu strusciu forti, e cu’ ‘nu vientu

Quattrutruoppi d’Arcangiulicalarù

‘E ‘nabellizza, ch’era ‘nu spavientu:

A leghe a leghe, supralupagliaru

Teniennusi pe’ manu, a cientu a cientu,

Si mìsìru a cantari cullusuonu:

“Sia grolia ad Illu, e paci all’omubuonu!”

A chillu forti gridu, allusbrannùri,

Chi l’Angiulispannìanu, allupaìsi,

Sùbitu si scitasunu ‘i pasturi,

‘I massari, ‘i curàtuli, ‘i furisi.

Vìdinu li campagni no’ chiù scuri,

Supra li munti vìdinu ‘i lucisi;

Sientûsonarisuli ‘i ceramelli,

E ballarimuntuni e pecurelli,

E ognunu si restava ‘ncitrulatu,

E culla manu l’uocchi si spracchiava;

Ma ‘n Angiulupassannu dissi: — È natu,

E natuchilluDiu, chi s’aspettava. —

Allura chi bidisti? ‘Mpaparatu

Ognunu pe’ la via s’azzummullava.

Chi canta e balla, e chi senza pensieru

Facìa culla sampugna: Lleru! Lleru! —

Chi porta ‘nasciungata, o ‘na fiscella,

Chi ‘nu rinusu e chini ‘nu crapiettu:

Scammisatafujìalufurisella

Cu’ quattrucucchia d’ovadintr’ ‘u piettu;

E appriessu li currìa la figlicella.

Chi ‘nculinuda si jettàu d’ ‘u liettu:

Pe’ l’allegrizza, li scoppaluchiantu,

E porta ‘nu galluzzu ‘e primucantu.

Ed iu, belli quatrári, iupurutannu

‘Nfrattari mi volìacull’autra genti;

Ma chillajia ‘ncollata, ed iu, malunnu!

Iusulununavìa li cumprimienti.

Mi jivi ‘a mariola scalïannu,

M’avìaboglia ‘e merari! ‘un’ e’ era nenti.

Chi fici poca? Fici ‘sta canzuna,

E Ghiesullu mi dèzi ‘nacuruna.

Parafrasi

Ora vi racconto cosa accadde una sera di dicembre di tanto tempo fa: il vento di levante, unito a quello di ponente, soffiava forte tanto da spettinare i capelli e muovere le stelle in cielo. Il cielo era scuro come un panno sporco, e le nuvole, sparpagliate come stracci da cucina, si spostavano piene di paura; e il buio si tagliava a fettine col coltello. A un tratto camminava un uomo canuto e scalzo lungo la via di Sion, infreddolito, con un’ascia legata alla cinta: era povero e molto infreddolito, ma vedendolo in volto era sicuramente un Ebreo. Dietro al signore anziano, lungo la strada tortuosa e buia, seguiva una signora con la veste, talmente bella che una stella non regge il paragone. In faccia aveva una rosa, la sua bocca sembrava un anello; sembrava una poveretta rossa per la sete, le labbra aperte e piccole, simili a un fiore.

Lei era incinta, era imminente il parto, e la sua pancia tonda si muoveva come una barca carica di grano va per mare lentamente. Oh figlioli, che imparate questa mia poesia dedicata alla nascita di Gesù, toglietevi il cappello e inginocchiatevi per rispetto! Quel vecchietto – e chi non lo sa! – si chiamava San Giuseppe. E la bella fanciulla che le va dietro – per dirvelo non c’è parola, son muto per la contentezza, or di voi chi la sogna? – era di certo la Madonna. Per il freddo e il lungo cammino, la Vergine Maria aveva la faccia sbiancata.

I due sposi videro un palazzo nelle vicinanze, e si avvicinarono alla porta per chiedere ospitalità e riposo; poi, con le mani tremanti, si incamminarono piano piano. – Avidi! – I ricchi si abbuffano e non rispondono; c’è un odore di cose buone di cibo, i piatti girano intorno, e il rumore dei bicchieri giunge fin al piano inferiore. – Toc! Toc! – Chi è qui? – È un pover uomo, senza averi, con la moglie gravida. Per Giacobbe e per Mosè, c’è un ristoro per la notte? – Oh figlioli, lo credete? Quell’uomo ricco (che il Diavolo possa infilzargli nella gola le sue armi), disse al suo cane: – Ehi! Attacca! Aggredisci! – Nonostante il rifiuto, la Madonna benedisse quella casa; e al marito rivolse queste parole: – Andiamo via! Stai muto! – Si legò il copricapo in testa, e si rimise in cammino al buio. Ma sbagliarono strada, e caddero inciampando: or si vedeva solo una buca, poi un vallo e un burrone: e l’aria era chiara come il fondo di una pentola.

In quell’istante la Luna avvertì un peso all’anima, quando vide quella bella fanciulla caduta nel fango, persa per la strada. E facendo capolino da dietro una nuvola, che il vento spazzò via, la Luna rassicura la Madonna, e rese di colore argento il cielo e la terra; poi le disse: Ave Maria! – Nel cielo, a mille a mille, a un colpo, tutte le stelle brillarono come le torce di un altare: e se un ago ti fosse caduto, tu l’avresti sollevato al centro della via. Là c’era, un po’ fuorimano, una casetta di un contadino, fatta di creta e di ginestre, che appare al bagliore della luce: i due sposi batterono a terra il bastone, e la porta della modesta casa si aprì. San Giuseppe, che indossava il mantello, se lo levò in fretta e lo posò a terra in un angolo, in modo tale che possa stendersi la Madonna; e vicino a lei di ogni fiore nasce un giardino. Per la stanchezza, appoggiò una mano al suo cuore e chinò il capo sulla spalla sinistra; poi, stendendo le ginocchia, chiuse gli occhi per addormentarsi un po’.

Aveva la bocca aperta, simile a una pianta di melograno, il fiato usciva profumato, tanto da rallegrare il mondo, con il corpo la Vergine Maria dormiva; ma con l’anima raggiungeva il cielo. Con la mente incomincia a sognare di raggiungere il Paradiso; sentì dire: “Ecco la Madonna! Che splendore che ha in viso!”. Sembrò che gli Angeli e i Santi la accogliessero con fragore. E così la portano vicino al Signore Dio, e Dio si strappò dal seno proprio il Figlio Gesù Cristo, e con amore glielo donò come una mela, e le disse “Tienilo con te!”. – Ma nel frattempo del sogno, per la gioia e la felicità, la Madonna si svegliò e si guardò intorno alla ricerca di quella mela che le era stata data in sogno. Ed eccolo, qui bello, posizionato sulle gambe si trovava il Bambino Gesù che diceva: Mamma! Mamma! – Beata lei, fortunata! Aveva partorito nel mentre che sognava… Il Bambino Gesù nacque velocemente, come esce una preghiera dalle labbra dei Santi, e la Madonna partorì senza dolori, il Bambino Gesù uscì dal grembo della Madonna come odore di rose e mele, e così velocemente da non vedersi nemmeno.

Lei lo guardò, e dalla gioia lo sporgeva in avanti; lo adorarono: poi la Madonna incominciò a cantare una canzone che le giungeva dal cuore per far addormentare il piccolo. Dormi, bellezza mia, dormi e riposa, chiudi la tua boccuccia simile a una rosa, dormi tranquillo, veglio io su di te, mio dolce zucchero. Dormi, e chiudi i tuoi occhi piccoli e tondi; perché quando dormi tu, dorme tutto il mondo; perché il mondo è tuo servitore, tu sei il Signore Gesù. Dorme il mare, dorme la tempesta, dorme il vento e la foresta, e anche nell’Inferno il Diavolo riposa. Ti tengo in braccia, e provo paura; perché tu sei il Figlio di Dio, e io sono sua creatura, e questa paura mi giunge al seno, e tu vuoi fasciato appena nato. Occhi belli e strappalacrime, lontano da me! Non mi guardate, perché provo imbarazzo.

Una voce interiore, che riesco a percepire soltanto io, mi dice: Vola! La luce dei tuoi occhi mi arde e mi abbaglia; trema tutta la mia anima e mi riscalda: canta come il cardellino, e mi vuole far uscire il cuore. Dentro i tuoi occhi vedo un altro mondo, in fondo ai tuoi occhi ci vedo il Paradiso: sento qualcosa, che mi fa morire, che non si può dire. Per pietà, chiudi gli occhi e riposa; chiudi la bocca che pare una rosa: dormi tranquillo, veglio io su di te, dolce mio zucchero. Il sonno è andato a raccogliere fiori, per far una corona a questi capelli; e questa bocca di mela dolce ti bagna con miele. Con un ago in mano è andato sulla Luna a cucir le stelle ad una ad una; e in fila le attacca per farne una collana. Cosa siete venuti a fare qui, Angeli del Signore con le ali di fuoco? Non mi volete mica portar via mio figlio… Cantate, sì; ma non portatelo con voi; adoratelo soltanto: e tu, oh mio bambino, non andare via con loro; sennò, io muoio. Stai con tua madre, oh mio tesoro, niente chiedo di più; con te voglio andare per il mondo, dicendo: questo è mio figlio; la madre è povera, e lui è il Figlio di Dio: dal Cielo mi è arrivato dentro al seno. – Ma cosa ho detto? Per caso non so il resto? Ti nascondo in petto finché posso: il mondo è malandrino!

E quando capirà chi sei, sarà sventura! Per questi tuoi capelli crescono spine, per inchiodare alla Croce queste mani sottili, credo che già incudine e martello stiano battendo i ferri, e non sa la gente ciò che fa. Nel bosco tu senti questa voce? Non è il vento che soffia è la quercia che dice: “Sarà mio il legno della Croce di Gesù!”.Ah, non piangere e non tremare, piccolo mio! Per adesso, dormi tranquillo, per la tua morte ci sarò ancora io. Sulle mie braccia e sulle mie ginocchia salta, alza la testa, apri gli occhi. Quanto sei bello, piccolo! Sembri un fiore! Dammi un bacio! – Così cantava la Vergine Maria, cullando quel neonato.

Il cielo si faceva basso basso, ascoltando quel bel canto: la terra ballava, e si muoveva, mostrando il suo verde mantello, e il vento si stava placato, gridando nel bosco: – Nato è il Figlio di Dio! – Ogni fiume portò una piena tra olio, latte e vino. Dalle querce uscivano mele e farina, e anche dalle spine crescevano i fiori; sembrava tornata la primavera, perché la vite fece l’uva, il grano le spighe, nacquero anche i fichi. Un gruppo di quattro Angeli giunse dal Paradiso.

Gli Arcangeli, di rara bellezza, legati per mano, si posero sulle case dei pastori cantando: “Gloria sia a Dio, a pace all’uomo buono!”. A quel canto soave, tutti si svegliarono e videro le campagne illuminate; le cornamuse suonarono, e le bestie si misero a ballare. A quella vista, le persone rimasero meravigliate, ma l’Angelo li rassicurò e annunciò loro la nascita di Gesù. E allora, per la gioia, tutti si precipitarono dal Salvatore Gesù portando per lui i doni più umili che possedevano, come capre, formaggi, uova e polli. Ed io, miei giovani, anche volevo andare con gli altri e portare qualche dono, ma niente possedevo, mannaggia! Cercai nelle mie tasche, ma non c’era niente. E allora cosa ho fatto? Composi questa poesia, e Gesù mi diede una corona.

Di Vincenzo Padula

Nicola Manfredi – Segretario Storia della Calabria e della Sila

Ti potrebbe interessare anche...