Crea sito

Esistenze (di Pietro Marchio)

Nu muru e petra janca e d’erba virde,

nu mparu chinu e ficu e melugranu,

za peppa chi intrecciava a glinostra,

cu llu sue modu finu un sinde scorda

C’è chine minta a paglia intra u saccune,

e chine conza robbe intra a lissia,

chine se fa la vucca cu na sarda,

chine se viva a sira a suppa e posa.

Chine camina scauzu senza nente,

chine tena a gulia de calandrelle,

chine se fa mintire i tundini,

chine e scarpe e mpigna ppe caminare.

E tutte se cose un sapimu nente,

e chine mancu un c’è crida veramente,

e chill’epoca nue un de vivimu,

ma canuscianu amure e sapure finu.

Pietro Marchio

Traduzione.

Un muro di pietra bianca e di erba verde

distese di alberi di fichi e melograni

zia “peppa” intrecciava la ginestra

con precisione e non si dimentica come fare.

Chi riempie di paglia i sacchi

chi lava i vestiti con la “lissia” (si lavava con la cenere)

chi cerca di alleviare l’appetito con una sardina

chi beve la sera “a suppa e posa” (fatta con la polvere del caffè della caffettiera per intenderci)

Chi cammina scalzo,

chi pensa alle “calandrelle” (utilizzate per camminare)

chi mette i “tundini” (una specie di chiodo sotto le scarpe)

chi scarpe “e mpiagna” per passeggiare ( scarpe fatte di cuoio).

Queste storie che non conosciamo,

c’è anche chi non ci crede,

quell’epoca non abbiamo vissuto,

ma conoscevano amore e sapori di altri tempi.

Ti potrebbe interessare anche...