Crea sito

Arvu (di Pietro Marchio)

Acqua duce, acqua amara,

acqua mossa senza tempu,

acqua chi viani, acqua chi sagli,

acqua profunda cumu a Calabria.

Acqua ricordi tiampi luntani,

ormai passati e mai cchiù turnati,

acqua si mantu grigiastru e jancu,

suspiri in visu versu cialu scarlattu.

Acqua chi vagni terra e sponda,

duve pue nascia na vita cchiù longa,

acqua accarizzi a pinna du piscie,

tesponi allu sule ppe pue scumparisciare.

Acqua chi scurri intra a jumara,

segui u trattu scavatu intra a fossa,

segui lu viantu, chi intra e tie se ricoglia,

segui lu jurnu chi passa e mancu sinde ricorda.

Pietro Marchio

Traduzione

Acqua dolce, acqua amara,

acqua che si muove senza seguir tempo,

acqua che va e acqua che sali,

acqua profonda come la Calabria.

Acqua ricorda anni passati,

ormai passati e mai più tornati,

acqua dal manto grigiastro e bianco,

sospiri in viso verso il cielo scarlatto.

Acqua che bagni la terra lungo il tuo letto,

dove fai nascere una vita ancora più lunga,

acqua accarezzi le pinne del pesce,

ti mostri al sole per poi scomparire.

Acqua che scorri dentro il fiume,

segui il tratto scavato nel fosso,

segui il vento, che in te si raccoglie,

segui il giorno che passa senza alcun ricordo.

Ti potrebbe interessare anche...